Pallacanestro SORA

AGGIORNAMENTI DALLA NOSTRA FANPAGE
facebook.com/pallacanestrosora

Pallacanestro SORA
Pallacanestro SORA
Ragazzi fantastici e dove trovarli❣️
Pallacanestro SORA
Pallacanestro SORA
Grazie Sergio Maciocia , grazie a tutti Voi che ci avete sostenuto e incoraggiato🤍🖤
Pallacanestro SORA
Pallacanestro SORA
THE BASKET LIFE
A GOOD FAMILY
Cronaca di un sogno e di un brusco risveglio
Se possibile leggetelo sino in fondo

Riassumere un quadriennio in poche righe è impresa ardua e difficoltosa.
Come Società abbiamo dovuto affrontare tutte le grosse difficoltà che più o meno hanno dovuto affrontare tutte le altre società, calo degli iscritti, assenze dovute al covid, possibili contagi crociati, difficoltà, comprensibilissime, nel riscuotere le rette, e tante altre che non vi sto nemmeno ad enumerare.
Il nostro focus si è incentrato sul riportare il grande basket a Sora cercando di riportare quanta più gente possibile allo storico stadio Sorano ed allo stesso tempo, di far giocare i nostri iscritti quanto più possibile. Abbiamo partecipato a tutti i campionati possibili, molte volte anche in sette per i motivi su esposti.
Abbiamo cercato di dare il massimo supporto a tutte le nostre giovani squadre ed a tutti i nostri giocatori, molte volte ci siamo riusciti ed altre volte no, ci rammarichiamo di alcune situazioni che si sono venute a creare ma, nello stesso tempo, sappiamo che abbiamo cercato di fare il nostro meglio.
La Pallacanestro Sora è una grande famiglia, Annalisa, Serena, Grazia, Paola, Cesare, Pierpaolo e Marco sono state le figure chiave che hanno permesso di portare a termine questo quadriennio ricco di tante soddisfazioni.
Per ognuno di loro avrei una menzione particolare, un ringraziamento particolare, ma non è questa la sede adatta, gli significherò personalmente la mia gratitudine.
Cosa amo del basket e cosa odio?
Del basket amo la continua tensione che ti trasmette, i continui stravolgimenti dei risultati, la tenacia di tutti i giocatori, grandi e piccoli, l'amore per la maglia, il tifo sano, l'appartenenza, i genitori che ci sopportano, supportano e la famiglia che si crea con amori e dissapori.
Odio le disparità di trattamento eclatanti, insultare un arbitro donna appellandola in modo grottesco davanti a mille persone senza essere espulso e squalificato è cosa grave, noi per aver solo parlato abbiamo ricevuto due giornate di squalifica, poi appellata e commutata ad una sola giornata e dopo aver passato le forche caudine dell'appello.
Odio gli insulti gratuiti da qualsiasi parte provengano, c'è più di qualcuno nella lista, odio i genitori che non trasmettono un sano amore per lo sport ai propri figli, odio quando trovi un giocatore fuori dal palazzetto solo e sommesso, qualora tu mi leggessi, di qualsiasi squadra sia.
Cosa auspico?
Una coesione tra i Presidenti delle varie Società per modificare il sistema e renderlo più aderente alla situazione attuale , se competizione deve essere che sia uguale per tutto e per tutti.
Lo sport è un pò come la vita si vince e si perde ma comunque vada sono orgoglioso di poterla/o vivere ogni giorno con forza e passione.
Adesso sono sveglio, domani tornerò a sognare!

 

Print Friendly, PDF & Email